Ai Papaveri Non Piace Appassire

Ai Papaveri Non Piace Appassire

QUARTA DI COPERTINA

Come conciliare il dovere di non traumatizzare i bambini (dai tre anni e mezzo ai nove anni e mezzo) e il loro diritto a sapere la verità sul fine vita?

Dobbiamo educare i bambini di fronte al trauma della morte violenta – e della morte in genere – a imparare ad accettare la realtà e ad affrontarla anche emotivamente, oppure a rifiutarla e a sottrarvisi in qualche modo anche distraendosi, oppure ancora a sospendere il giudizio?

Nel primo caso dobbiamo comunicare al bambino dei “fatti”, negli altri due casi dobbiamo raccontare “favole”.

Questo libro vuole dimostrare che “fatti” e “favole” non sono incompatibili nella comunicazione sulla morte e sul lutto con i bambini. Quello che conta è l’ordine: con un bambino non bisognerebbe mai cominciare con le “favole” (che parlano del desiderio che la morte non ci sia o possa essere vinta) e finire con i “fatti” (che parlano dell’impossibilità di evitare la morte e il lutto), ma bisognerebbe prima pronunciare parole di realismo e poi parole di desiderio.

Danny è una bambina di tre anni che desidera far vedere al suo papà le fotografie di una gita al mare, ma nel frattempo il suo papà è morto. Non bisognerebbe mai dirle “sarebbe bello che tornasse, ma purtroppo non è possibile”, bisognerebbe dirle “purtroppo non è possibile, ma sarebbe bello che tornasse”.

INTERVISTA SUL “VENERDI’ ” DI REPUBBLICA

Sul “Venerdì di Repubblica” del 9 giugno 2017, Claudia Arletti, dedica un articolo a: AI PAPAVERI NON PIACE APPASSIRE del Prof. Francesco Campione

“Dire <tutta la verità>? Dire e non dire? Non dire nulla? L’ultimo vero tabù è parlare della morte ai bambini. Lo sa bene Francesco Campione, medico e direttore del Servizio di aiuto psicologico per le situazioni di crisi all’Università di Bologna, noto, fra le altre cose, per avere importato in Italia i Death Cafè, ovvero riunioni nelle quali si parla della morte tra un pasticcione e (talvolta) una risata.

Adesso è arrivato un libro che si chiama AI PAPAVERI NON PIACE APPASSIRE, un libro “dedicato ai genitori che vogliono parlare ai bambini del fine vita”: Alessio, il protagonista, è seguito dai tre anni e mezzo ai nove anni e mezzo nelle suo domande e nei suoi rovelli.

Ed i genitori gli rispondono mescolando “fatti” e “favole”, <che non sono incompatibili nella comunicazione> dice Campione, <ciò che conta è l’ordine in cui vengono esposti>. Un piccolo mondo si muove per aiutare i bambini a fare i conti con la perdita di un nonno, o magari di un fratello o di un genitore. A Firenze, per esempio, l’associazione File ha promosso la pubblicazione della favola SI PUO’ ed avviato un progetto su più fronti, a casa ed a scuola.

 

CLICCA QUI PER ANDARE ALLA QUARTA DI COPERTINA ED ALLA SCHEDA TECNICA DEL LIBRO